Il 22 luglio, alle 20.30, l’inaugurazione presieduta dal Vescovo. In programma la Santa Messa e una serata culturale

Nell’ex Seminario vescovile di Nocera Inferiore, oggi sede della Curia, ritorna la cappella. Scomparsa nei decenni passati per motivi strutturali, da venerdì 22 luglio, festa di Santa Maria Maddalena, il Palazzo risalente al XVI secolo accoglierà al primo piano un piccolo luogo di preghiera.

Il Vescovo, monsignor Giuseppe Giudice, fin dall’annuncio del progetto, ha auspicato che diventasse il cuore della Curia. La cappella, infatti, nasce per accogliere sempre meglio quanti vengono dal Vescovo e presso gli Uffici diocesani, ma soprattutto per rafforzare, con la presenza di Gesù, coloro che vi lavorano stabilmente.

“… e insegnava alle folle dalla barca” è il passo del Vangelo di Luca che ha ispirato il progetto redatto dall’architetto Angelo Santitoro. Entrando nella cappella della Curia, accolti dall’icona del Risorto nel mattino di Pasqua, dipinta sulla vetrata di ingresso, si è introdotti nell’aula liturgica dove i vari elementi rimandano all’insegnamento di Gesù che ieri come oggi dalla barca, segno della Chiesa, continua il suo magistero. Pregando e sostando in questo luogo, si è invitati a prendere il largo sulla barca di Pietro, la Chiesa, certi della presenza e dell’accompagnamento nella traversata verso il Regno di Maria, Stella Maris, e dei santi.

La cerimonia di inaugurazione si dividerà in due momenti. Alle 20.30 il Vescovo presiederà la Santa Messa nella cappella. Subito dopo nel chiostro della Curia ci sarà un momento culturale e conviviale. Musiche e meditazioni sull’arte, ispirate a Maria, Stella Maris. Per l’occasione sarà aperto anche il Museo diocesano San Prisco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 − sette =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.